VICENZA 0444 545509 ∙ PARMA 0521 236426 ∙ ROMA 06 86213428edber@studiober.com
image-700pix-2

Civardi Giuseppe, russamento e Apnea nel Sonno, revoca della patente di guida.

Sono nato a Piacenza il 12.12.1962 prematuro, ho poi avuto uno sviluppo fisico molto veloce, arrivando già a 16 anni ad 1,90 di altezza per quasi 100 kg. In gioventù ho fatto tanto sport, in particolare judo, fino a che a causa di un incidente sportivo a 20 anni ho dovuto essere operato al ginocchio destro. Dopo altri 10 anni è stato necessario un secondo intervento con ricostruzione del crociato, ma ora ormai da tempo deambulo con fatica e claudico; solo continue iniezioni di acido ialuronico ad alta densità mi hanno consentito sinora di evitare la protesizzazione.

Ai 20 circa anni risale anche la perdita dei due primi molari inferiori, mal curati dal dentista della mutua, cosa che da allora mi provoca scrosci e blocchi mandibolari.

Sempre intorno ai 20 anni ho iniziato a soffrire di patologie nasali, con riniti allergiche e continue crisi di starnuti (soprattutto al mattino) che mi lasciavano spossato, alleviate solo da iniezioni di cortisone.

E’ iniziato un calvario di analisi, prove allergologiche (che spesso davano esiti contrastanti) e cure spesso inutili, con ripetuti interventi di poliposi recidivante. Ne ho subite circa una ventina, per la maggior parte ambulatoriali ma anche invasive (ultimo debrider anatrale nel 2013) e sempre con esiti momentanei.

Da una quindicina d’anni, complice anche un aumento di peso (ero arrivato a 118 kg.) ho iniziato a russare ed il problema negli anni si è accentuato, con apnee sempre più frequenti e prolungate, forte sudorazione e cefalee anche di notte ma sempre al risveglio, spesso forti ed un senso di occlusione perenne alla testa, sino a pregiudicare talvolta la concentrazione sul lavoro.

La cura

A causa di un problema di bruxismo ho iniziato circa 5 anni fa a portare un bite consigliatomi dal mio dentista (dr. Gazzola, di Borgonovo VT) ed ho notato che il russamento era leggermente attenuato. Cercando su internet ho trovato un tipo di bite specifico per il mio problema (dr. Russ) ed in effetti abbastanza efficace ma ben poco duraturo: la vite di tenuta non sopportava a lungo le pressioni della mia mandibola. Cercando quindi ulteriormente ho trovato i riferimenti del dr. Bernkopf e mi sono recato nel suo studio di Parma.

Dopo aver ascoltato la mia storia clinica, mi è stato proposto un bite assai più “robusto” di quelli da me sino ad allora utilizzati. Devo dire che non è stato facile abituarsi, tuttavia quando, dopo alcune sedute di controllo e “rifinitura” ho iniziato ad utilizzarlo abitualmente, ne ho avuto un immediato ed evidente giovamento. Il russamento si è attenuato a tal punto che mia moglie ha potuto tornare a condividere la stanza con me dopo molti anni e l’indice delle apnee è crollato da 45 circa a meno di 10.

Ho così potuto evitare l’applicazione del C-pap che mi era stato prescritto e che avevo più volte provato senza successo presso la clinica Maugeri di Pavia, senza riuscire a dormire a causa della mascherina e del rumore.

Inoltre, il device del dr. Bernkopf mi ha consentito di evitare la perdita della patente. Infatti un medico molto zelante della commissione di accertamento dell’invalidità, cui mi ero rivolto per ottenere la certificazione delle mie difficoltà motorie, dopo aver visto una vecchia polisonnografia, aveva scritto alla Motorizzazione per disporne la revoca.

Solo grazie ad una nuova polisonnografia, effettuata dopo ennesimo intervento di poliposi nasale ed ovviamente con utilizzo del device,  il DR. Bernkopf ha potuto certificare con una adeguata documentazione clinica, corredata da bibliografia scientifica,  che le apnee sono ora molto contenute e non pregiudicano la mia attenzione alla guida. La patente mi è stata quindi rinnovata,  evitando così una problematica che avrebbe potuto comportare enormi conseguenze sulla mia vita professionale e sociale.

Di recente, dopo aver valutato anche ipotesi di chirurgia bariatrica, ho iniziato ad impegnarmi seriamente per perdere peso, in ciò aiutato anche dal magnifico libro del Prof. Longo, la cui lettura consiglio a tutti. Sono quindi diventato “quasi” vegetariano ed ho perso una decina di kg. in pochi mesi.

Per dare sollievo alle mie problematiche articolari dovrei perderne almeno altrettanti, tuttavia già ora la mia vita è assai meno difficoltosa e più soddisfacente (ad ogni livello) rispetto a pochi anni fa e la ritrovata qualità del sonno ne è stata la chiave.

Grazie ancora, dr. Bernkopf

Confermo che la relazione sopra riportata descrive esattamente la mia storia clinica, e ne autorizzo la pubblicazione , in testo e in immagini, a fini divulgativi e scientifici anche via internet, in deroga consapevole alle disposizioni vigenti in tema di privacy.

Dott. Giuseppe Civardi, Via Tacella 11, Rivergaro (PC)    cell: 335 6353373 e-mail  finciv@alice.it

Author Info

Giorgio Ceolato